Medellin (TMNews) - Nell'anno della storica qualificazione ai quarti del Mondiale di calcio in Brasile, la Colombia ha reso omaggio ad Andres Escobar 20 anni dopo l'omicidio del calciatore sudamericano, autore di un autogol che costò alla nazionale colombiana l'eliminazione dal Mondiale americano del 1994. A Medellin sono state organizzate manifestazioni, cerimonie ed eventi in memoria del difensore che pagò con la vita, a soli 27 anni, un errore su un campo di calcio. 10 giorni dopo la partita persa contro gli Stati Uniti che costò il Mondiale alla nazionale colombiana Escobar venne ucciso all'uscita da un bar. A sparare fu Humberto Munoz Castro, autista ed guardia del corpo uscito dal carcere dopo 11 anni di prigione. Quello che non venne mai spiegato fu il movente, la giustizia non ha mai chiarito se si è trattato davvero del gesto folle di un tifoso deluso o se dietro l'esecuzione ci fosse una vendetta dei narcotrafficanti che avevano scommesso sulla partita.(Immagini Afp)