Pechino (askanews) - Mostrare i muscoli anche per fare dimenticare gli affanni dovuti all'instabilità finanziaria ed economica. Il presidente cinese Xi Jinping ha presieduto l'imponente parata militare sulla Piazza Tiananmen per celebrare il 70esimo anniversario della fine della Seconda guerra mondiale e della vittoria cinese sul Giappone nel 1945."La vittoria della guerra contro il Giappone ha permesso alla Cina di tornare a essere un grande potenza mondiale", ha dichiarato Xi Jinping, annunciando la riduzione di 300mila unità degli effettivi dell'Esercito popolare di liberazione che resta comunque il più grande esercito del mondo.Molti leader mondiali hanno deciso di ignorare l'iniziativa, come era accaduto anche per la parata militare organizzata dalla Russia a Mosca. Non a caso, invece, era presente Vladimir Putin, il presidente russo, a testimoniare un'alleanza politica ed economica sempre più stretta tra i due paesi.In Piazza Tiananmen, nel corso della parata trasmessa in diretta dalla televisione di Stato, hanno sfilato una decina di nuovi missili balistici dell'esercito cinese, come i DF-21D, significativamente soprannominati "killer delle portaerei", montati su enormi camion a 12 ruote mentre il cielo era solcato da 200 aerei da guerra, molti dei quali decollati dalla Liaoning, la prima portaerei cinese, varata nel settembre 2012.(Immagini Afp)