Zhuahi (askanews) - Ribaltando ogni cliché di riservatezza, la Cina stavolta esibisce il lato femminile della sua aviazione militare. Cinque donne pilota dell'Aeronautica cinese sono state scelte per volare a bordo dei caccia J-10 - surrogato "made in China" degli Eurofighter "Typhoon" europei - con i loro colleghi uomini della pattuglia acrobatica "Primo agosto", che prende il nome dalla data di fondazione delle forze armate di Pechino.Due delle 5 hanno potuto volare già durante il decimo Airshow di Zhuhai, nella provincia meridionale del Guangdong, l'unica fiera internazionale del settore aerospaziale in Cina, approvata dal governo di Pechino.Le donne, vestite in tutto e per tutto come i colleghi uomini, hanno solcato i cieli della Cina a bordo dei J-10 che costituiscono l'ossatura della componente di difesa aerea cinese. Un'esperienza che ripeteranno nel corso dell'intero Airshow con le loro colleghe, tutte proveniente dai reparti di volo operativi dell'Aeronautica cinese e con un bagaglio d'esperienza di centinaia di ore di volo su 4 tipi diversi di aereo.La Cina in questi ultimi anni ha costantemente aumentato il bilancio per la Difesa con un incremento del 12% solo nel 2014. Presentati nel corso dello Zhuahui airshow anche gli ultimi nati dell'industria aerospaziale cinese, il caccia stealth j-31, molto simile all'F-35 occidentale e lo Y-20 il più grande aereo da trasporto strategico cinese, fotocopia dell'americano C-117.(Immagini Afp)