Roma, (askanews) - Hanno lavorato a questo progetto per due anni e adesso hanno consegnato nelle mani della delegazione italiana che si recherà alla Conferenza di Parigi (COP21) un manifesto appello per il clima. Sono i ragazzi del liceo scientifico di Roma Avogadro che, accompagnati da alcuni insegnanti e da esperti dell'Enea, hanno redatto questa Carta, denominata Teen4Change. Purtroppo il loro sogno di partecipare alla COP21, alla quale si erano già accreditati, si è infranto contro la dura realtà degli attentati di Parigi e il consiglio di istituto ha deciso di annullare il viaggio per ragioni di sicurezza."Ovviamente un po' di atmosfera di delusione è nell'aria perché questo convegno era un modo per noi per portare avanti quello che abbiamo studiato e appreso durante tutto l'anno passato", dice Benedetta Remia.Dalla Carta Teen4Change emerge tutta la preoccupazione di questa generazione che porta a dire "sbagliare non è più possibile" e per questa ragione questi ragazzi si aspettano che la lotta al cambiamento climatico venga affrontata con maggiore efficacia e rapidità."Noi espressamente chiediamo dei comportamenti virtuosi da parte dell'Italia e dell'Unione europea quali ad esempio una maggiore efficienza energetica, un sistema di smartgrid o una decentralizzazione delle energie", dice Edoardo Brandi.Nonostante la delusione del mancato viaggio a Parigi, il gruppo di studenti dell'Avogadro esprime un cauto ottimismo sull'esito della COP21 ma soprattutto manifesta una grande volontà di agire in prima persona."Siamo speranzosi e... Sì anche ottimisti perche in quanto adolescenti e futuri adulti siamo noi che dobbiamo portare avanti questo cambiamento" dice Benedetta. "Non solo speranzosi ma, come ci viene spesso ricordato, noi facciamo parte della generazione del clima, è un nostro impegno perché questa Terra ci viene consegnata in questo modo e noi stiamo tentando di migliorarla, non solo per la nostra vita ma anche per le generazioni future" conclude Edoardo.