Roma, (askanews) - Difficile per i francesi rinunciare alla carne, anche quando si tratta di un classico hamburger, il tipico cibo da fast-food o da mangiare per strada. Se in molti posti del mondo, persino in Scandinavia e in California, patria di bistecche-doc, si iniziano ad apprezzare e a diffondere sempre di più quelli vegetariani, in Francia non è ancora così.Ma alcuni ristoranti e macellerie, come la "Boucherie Vegetarienne" stanno provando a cambiare le tradizioni. Qui si vendono hamburger senza carne: di soia, di grano, piselli: veggy-burger per tutti i gusti."Mangiare carne non fa bene - dice un cliente - non si sa mai cosa si sta mangiando, che carne è, ci può essere di tutto dentro. Qui vado sul sicuro: so cosa sto mangiando, il sapore è buono ed è simile alla carne".Il proprietario della macellaria è convinto dei suoi prodotti:"Va bene mangiare carne ogni due settimane, gli altri giorni meglio trovare dei sostitutivi. Se proprio non si può farne a meno meglio ridurre il consumo al minimo, sarà anche un contributo alla riduzione dei gas serra".La soia è ricca di proteine, non come la carne, ma in quantità sufficiente per l'organismo, assicura la presidentessa dell'associazione dei vegetariani di Francia Elodie Vieille Blanchard.Ma in Francia prodotti vegetariani iniziano a trovarsi anche al supermercato. Segno che il vento sta cambiando. Per ora non sono economici, ma in futuro se dovessero prendere piede potrebbero arrivare a competere con i classici hamburger.(Immagini: Afp)