New York, 30 set. (TMNews) - La campagna contro l'Isis in Iraq eSiria è già costata agli Stati Uniti una cifra compresa tra i 780e i 930 milioni di dollari; spese destinate ad aumentaresensibilmente, se Washington dovesse decidere di rafforzare ilproprio intervento. Secondo un rapporto pubblicato dal Centro per la valutazione strategica e di bilancio, gli Stati Unitiprobabilmente spenderebbero tra i 200 e i 320 milioni al mese sedecidessero di portare 2.000 soldati a combattere in Iraq.Persino i raid aerei a bassa intensità, insufficienti per molticritici per sconfiggere l'Isis, costerebbero per un anno tra i2,4 e i 3,8 miliardi di dollari. Nel caso in cui Washingtondecidesse di rafforzare la campagna aerea, i costi potrebberosalire a una cifra compresa tra i 4,2 e i 6,8 miliardi di dollariall'anno.