Milano (TMNews) - Il governo indiano non applicherà la legge anti terrorismo al caso dei marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due fucilieri della Marina militare italiana trattenuti da due anni in India con l'accusa di aver ucciso due pescatori indiani. Dopo 26 rinvii è stata presa una decisione su uno dei punti più discussi del caso, l'applicazione o meno della legge anti pirateria che avrebbe previsto in caso di condanna anche la pena di morte.Contemporaneamente però Nuova Delhi ha anche chiesto che i capi d'accusa vengano formulati dalla polizia indiana, un'ipotesi a cui si è opposta la difesa dei due militari. La Corta ha dunque deciso di fissare una nuova udienza fra due settimane.