Palermo (askanews) - L'elezione di Sergio Mattarella al Quirinale è stata accolta con grande emozione dai suoi concittadini a Palermo. Tra le persone a lui più vicine, c'è l'avvocato Stefano Giordano, che del nuovo presidente della Repubblica è amico di famiglia da tanti anni. "Raccoglie un'eredità difficile - ha detto Giordano - ma credo che sia una scelta nel segno della lungimiranza e dell'equilibrio. Rappresenta uno dei pochi elementi, nel panorama politico nazionale, in grado di unire il Pd e in generale la nazione, per il suo equilibrio che deve essere contrapposto allo sciovinismo imperante, alla voglia d'apparire a tutti i costi". Primo presidente della Repubblica siciliano, Mattarella rappresenta un elemento di speranza proprio per la Sicilia, che in un momento così difficile per il Paese, appare ancora più in difficoltà del resto d'Italia. "La cosa più importante credo che sia ridare speranza a questa terra che ne ha bisogno forse ancora di più che del resto d'Italia - ha detto - E' il segnale di una persona che realmente vive nel segno della legalità, non quella finta, di carta, trasparente ma quella vera". Infine, su quelle che sono le aspettative, da amico, riguardo il settennato di Mattarella, Giordano ha osservato: "Sarà un settennato diverso rispetto a quello di Napolitano. Vedo Mattarella come un attento custode delle leggi e della Costituzione, un attento garante degli equilibri politici e di legalità della giustizia, essendo presidente del Csm".