Roma, (askanews) - Un milione e cinquecentomila armeni canonizzati: in Armenia sono cominciate le cerimonie con cui la Chiesa commemora lo spaventoso massacro operato dai turchi ottomani esattamente un secolo fa. La data ufficiale è il 24 aprile 2015. E si celebra fra le polemiche della Turchia, che non accetta il termine genocidio. E' la cerimonia di canonizzazione collettiva più imponente mai organizzata da una chiesa cristiana ed ha richiamato da ogni angolo del mondo i figli della diaspora.Per dimenticare, dice Isaak, dalla Francia, "bisogna sapere cosa è successo. Dopo si può chiedere scusa e poi si può dimenticare". "E' una data importante per noi" dice Marat, dalla Russia. "Abbiamo preso le ferie per venire". "Hanno ucciso i genitori dei miei nonni", dice Selina. "Sono sangue del mio sangue, è importante. Voglio che sia fatta giustizia".