Kabul (TMNews) - L'Afghanistan al voto si prepara a dire addio all'era di Amid Karzai, l'uomo che ha guidato il Paese per 13 anni. I cittadini sono chiamati a scegliere il nuovo Presidente fra 8 candidati, fra cui 3 sono i favoriti: Abdullah Abdullah, amato dall'Occidente e arrivato secondo alle elezioni del 2009, Zalmai Rassul, l'uomo di Karzai, ministro degli esteri fino a pochi mesi fa, Ashraf Ghani, economista ed ex membro della Banca Mondiale. Le elezioni saranno un banco di prova fondamentale per valutare la stabilità del Paese e delle sue istituzioni. L'analista Kate Clark, direttore dell'Afghanistan analyst network, è molto pessimista sulla correttezza del processo elettorale. "Ci saranno brogli. Ci saranno nei seggi elettorali e al momento del conteggio. Il punto è quale sarà l'entità e quanto distorcerà l'esito. Sarà organizzata dallo Stato o organizzata da singoli individui? Sarà sufficiente ad alterare il risultato? E quanto saranno disposti ad accettare i candidati perdenti?". Intanto bisogna fare i conti con un grave fatto di sangue alla vigilia del voto, un poliziotto ha sparato in una caserma uccidendo la fotoreporter tedesca Anja Niedringhaus e ferendo la sua collega canadese Kathy Gannon.(Immagini Afp)