Budapest (askanews) - L'Ungheria ha fermato lunedì 9.380 migranti, arrestati per attraversamento illegale della frontiera: la polizia del Paese centro-europeo dalla mezzanotte ha chiuso completamente la frontiera con la Serbia, principale punto di afflusso dei profughi.Secondo la nota pubblicata dalla polizia ungherese e riportata dal sito di notizie Delmagyar, sono stati avviati diversiprocedimenti penali per traffico di migranti.Al valico di frontiera tra villaggi ungherese di Roszke e serbo di Horgos, decine di persone, donne e bambini sono bloccati sul lato serbo. Erano diretti al posto di confine ufficiale, a circa duechilometri di distanza, quando sono stati circondati dallapolizia, i cui elicotteri volteggiano sulle loro teste.Le legge varata dal primo ministro ungherese Viktor Orban prevede l'arresto e il carcere fino a tre anni per chi attraversa illegalmente il confine. La polizia ha registrato dall'inizio dell'annol'arrivo di 190mila migranti, con il record di entrate in unsingolo giorno battuto proprio l'ultimo giorno prima dell'applicazione della legge: 7.437 arrivi.(immagini Afp)