Roma, (askanews) - L''Ungheria costruisce un secondo muro della vergogna dopo il primo costruito al confine con la Serbia: questo chiudela frontiera con la Croazia per sbarrare la strada ai profughi. Queste sono immagini da Beremend in Ungheria al confine con Baranjsko Petrovo Selo. Il muro di filo spinato copre 41 chilometri; altri 330 chilometri di frontiera fra i due paesi sono lungo il corso del fiume Drava. Tuttavia secondo le testimonianze dei giornalisti della Agenzia France Presse, Zagabria e Budapest hanno di fatto avviato una collaborazione: pullman croati carichi di profughi arrivano a Beremend dove i migranti vengono fatti scendere, attraversano a piedi la frontiera e salgono su altri pullman ungheresi, diretti verso nordovest.