Il contrabbando di sigarette provoca nella Ue una perdita di oltre 10 miliardi di euro all'anno in diritti doganali, accisa e Iva. In Europa vengono venduti in media circa 500 miliardi di sigarette nel mercato lecito. L'incidenza del consumo illecito varia molto da Stato a Stato. In testa c'è la Lettonia con oltre 26 sigarette illecite ogni 100 fumate, a seguire la Norvegia (quasi il 21%), la Grecia (circa il 20%), Lituania e Polonia (rispettivamente circa 19% e 17%). In Italia la percentuale si aggira intorno al 6 per cento.