Rho (askanews) - Alimentazione e benessere collettivo: di questo si è discusso nel convegno internazionale "Nutrire il pianeta, nutrirlo in salute", con cui il ministero della Salute ha voluto sugellare la propria partecipazione a Expo 2015. Un evento che ha visto convergere a Palazzo Italia delegazioni da 40 Paesi e che è stato presieduto dal ministro Beatrice Lorenzin la quale, in apertura di lavori, ha posto subito un obiettivo ambizioso."Avere la grande ambizione - ha detto dal palco - di avere una nuova agenda globale sulla salute, la nutrizione e la prevenzione. Il che vuol dire fare stare bene il nostro pianeta e soprattutto fare stare bene le prossime generazioni".Nell'arco dei sei mesi, il ministero ha organizzato più di cento incontri, ha lavorato sulle scuole, ha affrontato il tema della sicurezza alimentare e ha siglato accordi per favorire la corretta alimentazione dei bambini."La sfida di Expo - ha aggiunto il ministro Lorenzin - è vincere il grande paradosso: una parte del mondo che muore di fame e un'altra parte che muore perché mangia male. La sfida è non solo mangiare e dare da mangiare ai nostri figli e ai nostri cittadini, ma farli mangiare in modo sano, in modo tale che possano vivere più a lungo, in modo corretto, e nello stesso tempo garantire la sostenibilità dei nostri sistemi sanitari e del nostro sistema ambientale, perché le due cose vanno sempre di più insieme".