Roma (askanews) - "Pannella è stato irriso e deriso quando non vilipeso e penso che alcuni omaggi postumi puzzino di ipocrisia lontano un miglio". Lo ha detto Emma Bonino, prendendo la parola sul palco di piazza Navona, dove è in corso il funerale laico di Marco Pannella. "Benvenuti se vi siete ricreduti - ha aggiunto - ma il modo per onorarlo è prestare maggiore attenzione alle battaglie che aveva e che abbiamo in corso. Quella per i carcerati, sul diritto a morire in modo dignitoso, sul come vivere insieme". La Bonino è stata accolta sul palco da un lungo applauso e molti tra i presenti hanno scandito il nome: "Emma, Emma".

Ricordando la figura dello storico leader radicale, Bonino ha sottolineato "la complessità di Marco e la complessità delle sue mille battaglie. In questi giorni spesso anche la stampa si ferma ad aborto e divorzio, ma Marco era molto di più, cito per esempio Sarajevo o la battaglia contro l'esplosione del debito pubblico perché sarebbe ricaduto su tutti i giovani". Ma l'insegnamento più importante di Pannella, ha concluso, è stato "come stare nelle istituzioni, il senso della politica come impegno e non come affare".