Rimini (TMNews) - Cécile Kyenge risponde da Rimini a Roberto Calderoli, l'esponente leghista che ha accusato il padre dell'ex ministro dell'Integrazione di avergli fatto una macumba in Africa."Chiedo di fare personalmente un viaggio nei luoghi della macumba - ha detto Kyenge - magari vede con i proprio occhi e torna cambiato. Non sarebbe una cattiva idea. Io non credo alla Macumba, ma se lui è convinto".Nei giorni scorsi Calderoli aveva postato sui social network la foto di un serpente trovato nella sua cucina, come "prova" del maleficio.Comunque - ha aggiunto l'ex minsitro - solidarietà per tutti i guai che ha avuto, ma che questi possano essere associati alla macumba mi sembra di vivere un film di Totò, un film comico. Non so come ci vedano all'estero con tutto questo. La commedia all'italiana sarebbe veramente un film da non perdere".