Reggio Emilia, (TMNews) - "Ne abbiamo pieni i Maroni. Tin bota Cécile". E' lo striscione che accoglie il ministro per l'Integrazione Cécile Kyenge alla festa del Pd di Villalunga di Casalgrande, nel Reggiano. Un messaggio di incoraggiamento e solidarietà, "tieni botta", scritto su un lenzuolo bianco, in riferimento alle offese rivolte al ministro da alcuni esponenti della Lega Nord. Lei ribadisce la sua fierezza di appartenere a una terra che vanta "tantissime buone pratiche". "Questa è la mia terra e non si può andare via dalla propriaterra - ha precisato Kyenge a margine del dibattito -, io qui vivo e qui ci sono tutti i miei legami e sicuramente devo tornare anche in questa terra".Sulla proposta di Matteo Salvini di promuovere un referendum per abolire il ministero per l'Integrazione, Kyenge risponde con poche parole chiare: "Quei soldi potrebbero servire per fare un bel piano contro il razzismo". Il lavoro da fare è tanto, dice il ministro, l'integrazione vale non solo per gli stranieri, ma anche per anziani e persone con handicap.