Roma, (TMNews) - Una distesa immensa di tende bianche con il logo delle Nazioni Unite accoglie le migliaia e migliaia di rifugiati siriani. Siamo nel campo di Domiz, nel Kurdistan iracheno. Da quando le autorità locali hanno deciso l'apertura delle frontiere con la Siria, sono arrivati oltre 40mila rifugiati in appena una settimana.Ed è emergenza sovraffollamento nel campo gestito dall'Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite, che sono state costrette a creare un secondo campo temporaneo, a Kawargost."Tutte le persone che chiedono asilo devono essere autorizzate a entrare nel Paese per trovare protezione e sicurezza", afferma Claire Bourgeois, rappresentante delle Nazioni Unite in Iraq.Nel campo dei rifugiati si cerca di vivere la quotidianità: i bimbi giocano, i volontari distribuiscono gli aiuti umanitari. L'Onu ha inviato 70 tir carichi di aiuti, 2.100 tende, due prefabbricati adibiti a magazzino e taniche di acqua per migliaia di famiglie.Immagini: Afp