Milano, (TMNews) - Un nuovo sito per la condivisione dei file chiamato "Mega": è la sfida di Kim Dotcom, il fondatore del famoso sito di file sharing Megaupload, a un anno dall'arresto con l'accusa di pirateria informatica. Alle 6.48 del 20 gennaio 2013, un anno dopo la perquisizione della sua proprietà di Auckland in Nuova Zelanda, Dotcom ha annunciato l'apertura dell'indirizzo mega.co.nz, un nuovo progetto che offre 50 Gigabyte gratuiti di spazio agli utenti per immagazzinare i file. Un successo immediato, dato che in meno di un'ora ha totalizzato 100mila utilizzatori e 250mila iscritti, come ha annunciato lui stesso su Twitter, e per il gran volume di traffico è rimasto bloccato alcune ore. Una sfida alle autorità statunitensi, che lo accusano di frode e violazione del diritto d'autore e per questo hanno chiuso Megaupload. L'informatico e imprenditore tedesco, vero nome Kim Schmitz, è libero su cauzione e in attesa dell'udienza sull'estradizione negli Stati Uniti, fissata per agosto 2013.(immagini Afp)