Roma, (askanews) - Condanna del segretario di Stato americano, John Kerry, sulle "grottesche" esecuzioni di funzionari di Pyongyang, in Corea del Nord. Parlando da Seul, dove è stato ricevuto dall'omologo sudcoreano Yun Byong-Se, il capo della diplomazia di Washington ha lanciato un appello per una maggiore pressione internazionale sulla Corea del Nord, condannando la "grossolana" leadership di Kim Jong-Un e le presunte "grottesche" esecuzioni di funzionari di Pyongyang."In questo momento, in seguito anche alle recenti provocazioni, è chiaro che la Corea del Nord continua a perseguire la strada delle armi nucleari e dei missili balistici, continua a infrangere le promesse e continua a mostrare evidente disprezzo per le leggi internazionali".Kerry ha sottolineato come le recenti provocazioni nordcoreane, compreso l'annunciato lancio di un missile balistico da un sottomarino, dimostrino l'intenzione di Pyongyang di non procedere nella direzione della denuclearizzazione, come richiesto dalla comunità internazionale. "Assistiamo a storie grottesche, orrende, manifestazioni pubbliche di esecuzioni segno di un capriccio del leader contro le persone vicine a lui", ha concluso Kerry.Immagini: Afp