Bruxelles (askanews) - Così il segretario di stato americano John Kerry, ha espresso il suo sostegno allo stato e al popolo belga colpiti dai tragici attentati di martedì.Parlando in conferenza stampa congiunta col premier belga Charles Michel, Kerry ha fatto riferimento agli attentati dell'11 settembre del 2001 a New York. "Allora, dall'Europa in monti dichiararono 'Io sono americano"; ora è il nostro momento di dire, "Io sono Bruxelles".Poi il segretario di stato americano ha aggiunto: "Gli stati Uniti pregano e sono in lutto con voi per le persone amate che ci sono state crudelmente strappate, e tra queste anche degli americani".Queste vittime, ha aggiunto, "non erano combattenti, non erano impegnati in alcun conflitto, non portavano minacce a nessuno, non volevano far male a nessuno".(immagini AFP)