Roma, (TMNews) - Mentre la popolazione africana cresce, il leone potrebbe scomparire. Con meno di 250 leoni in età da riproduzione in West Africa, l'ong animalista Panthera, ha messo in guardia dal rischio estinzione dell'intera popolazione di grandi felini.Uomini e leoni hanno vissuto fianco a fianco per generazioni in Kenya, ma le città continuano a estendersi (immagine 0.33 zebre e città) e la lotta per il terreno si fa sempre più dura. Gli allevatori uccidono i leoni che attaccano il bestiame e migliaia sono stati avvelenati per vendetta e nessuno viene arrestato. Le aree dove prima i leoni giravano liberamente sono state riadattate a terreno agricolo. "Il numero dei leoni è calato molto rapidamente. In Kenya si contavano 15mila leoni 15 anni fa, oggi ce ne sono meno di 2000.- spiega Paula Kahumbu, Direttrice di Wildlife Direct -temiamo che gli avvelenamenti siano un risultato del conflitto uomo-fauna, sono ritorsioni, temiamo che possano portare la popolazione dei leoni quasi ad estinguersi" Secondo gli animalisti, se non si fa qualcosa subito, presto non si vedrà più un leone in Kenya. Il paese africano ha bisogno del turismo e i re della savana sono una delle maggiori attrazioni per gli stranieri. - Per il direttore del progetto Living with Lions Laurence Frank - "La chiave è quella di trovare il modo di dare alla gente rurale la possibilità di beneficiare economicamente della fauna, affinché abbiano interesse a proteggerla, a prendersene cura e a valorizzarla. Per ora, l'unica loro preoccupazione è sbarazzarsene".