Suva (askanews) - È di almeno una trentina di morti il bilancio - ancora provvisorio - del passaggio del ciclone Winston sulle isole Fiji. Si tratta, secondo gli esperti, del più potente ciclone mai registrato nella storia dell'arcipelago.Con venti fino a 325 chilometri orari, il ciclone ha infatti raso al suolo interi villaggi, distruggendo infrastrutture e costringendo gli abitanti terrorizzati a rifugiarsi nei centri di evacuazione di emergenza, dove sono accuditi da volontari e soccorritori."Le immagini giunte dalle valutazioni aeree delle zone colpite fanno male al cuore e non lasciano dubbi circa la ferocia di questo ciclone", ha detto il coordinatore delle Nazioni Unite per le Fiji, Osnat Lubrani.Il Governo ha dichiarato lo stato di disastro naturale per 30 giorni. Più di 8mila persone sono state evacuate e si stima che l 80% della popolazione sia senza elettricità. Secondo l'associazione umanitaria "Save the children", le fonti d'acqua e gli ospedali sono stati danneggiati, molte strade chiuse e le scuole, alcune delle quali sono utilizzate come centri d evacuazione, non verranno riaperte per almeno una settimana.Winston è l'unico ciclone di categoria 5 ad aver mai colpito le Fiji, l'arcipelago che vive di turismo e che conta 900mila abitanti.(Immagini Afp)