Tel Aviv, (TMNews) - Migliaia di bandiere statunitensi, dalle più piccole ad alcune formato extralarge, sono pronte per essere sventolate all'arrivo di Barack Obama. Israele si prepara alla visita ufficiale di fine marzo del presidente americano. L'accoglienza sarà calorosa, sebbene Obama, secondo i media Usa, abbia già chiarito a Benjamin Netanyahu che la sua visita non sarà un'opportunità per farsi fotografare, quanto piuttosto per lavorare su temi caldi quali l'Iran, lo stato palestinese e la presenza israeliana in Cisgiordania"."I preparativi per l'arrivo di Obama sono ancora più consistenti rispetto al coinvolgimento che ci fu per la vista di Clinton", spiega il proprietario di una fabbrica che sta realizzando centinaia e centinaia di "Stars and stripes"."Sono già ponte oltre 1000 grandi bandiere americane - spiega Avi Merom - ne abbiamo preparate anche di più piccole e una una di straordinaria grandezza".Il viaggio in Israele del presidente americano è stato in forte dubbio per la situazione d'instabilità politica in Israele, dove Netanyahu stenta a formare un governo di coalzione. Ma la casa Bianca ha di recente confermato l'appuntamento.(immagini AFP)