Baghdad (askanews) - Le forze irachene hanno lanciato una vasta offensiva contro lo Stato islamico (Isis) per riconquistare la città di Tikrit, nel Nord del paese. Sono circa 30.000 gli uomini impegnati contro i jihadisti tra esercito, polizia, unità antiterrorismo, volontari delle Unità di mobilitazione popolare e tribù locali sunnite. I militari, sotto la copertura dei raid aerei di caccia iracheni, hanno attaccato la città natale dell'ex presidente Saddam Hussein, situata 150 chilometri a nord di Baghdad e conquistata dall'Isis lo scorso giugno.Nelle immagini si vede l'avanzata delle forze irachene nella provincia di Diyala, al confine con quella di Salah al-Din, dove si trova Tikrit. Le milizie sciite irachene impegnate nell'offensiva sono guidate da Qassem Suleimani, capo della Brigata iraniana al-Quds, reparto d'élite dei pasdaran, i "guardiani della rivoluzione" iraniani. La coalizione internazionale, sotto guida statunitense, ha precisato di non essere stata coinvolta nell'operazione irachena a Tikrit e dintorni.(immagini Afp)