Ankara, (TMNews) - Liberazione immediata dei turchi presi in ostaggio in Iraq dai combattenti jihadisti. La pretende il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, che ad Ankara ha incontrato il ministro degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu."Condanno l'attacco inaccettabile contro il consolato generale di Turchia a Mosul e lancio un appello per la liberazione immediata del personale diplomatico rapito", ha dichiarato alla stampa Rasmussen. "Nulla può giustificare un simile attocriminale", ha aggiunto.Il segretario generale della Nato ha ugualmente indicato di "seguire gli sviluppi in Iraq con grande preoccupazione". I combattenti jihadisti dello Stato islamico in Iraq e nel Levante (Isil), che dall'inizio della settimana scorsa portano avanti una larga offensiva in Iraq, hanno preso di mira anche il consolato di Turchia a Mosul e sequestrato i 49 cittadini turchi.