Roma, (askanews) - Intascava la pensione della mamma e della zia decedute da anni: denunciato per truffa aggravata ai danni dell'Inps un crotonese che ha continuato indebitamente a incassare le pensioni di vecchiaia di cui erano titolari la zia e la mamma, entrambe morte da molti anni, per un importo complessivo di 132mila euro.Gli agenti della Guardia di Finanza hanno smascherato l'uomo che non aveva segnalato il decesso della propria zia avvenuto nel 2002. Stessa omissione per il decesso della madre, avvenuto nel 2004.Le pensioni, dunque, erano state regolarmente accreditate, alle scadenze mensili, su un conto corrente bancario cointestato alle due defunte e per il quale l'indagato era in possesso di delega ad operare. L'importo della pensione veniva prelevato sistematicamente mediante operazione allo sportello oppure tramite bancomat. Ma i finanzieri hanno accertato che i prelievi bancomat erano avvenuti utilizzando una carta di prelievo intestata e ritirata presso l'istituto bancario nel 2012 dalla titolare della pensione, in realtà morta sette anni prima. I militari hanno dunque segnalato alla procura di Crotone anche un operatore bancario. Nessuna responsabilità accertata invece verso l'istituto.