New Delhi (TMNews) - Il bilancio è drammatico: centinaia di persone sono morte per le inondazioni che hanno colpito l'India e il Pakistan e decine di migliaia sono ancora bloccate nelle zone devastate. Per questo le autorità dei due Paesi divisi da una storica rivalità stanno facendo sforzi frenetici per tentare di portare soccorso agli alluvionati, in condizioni logistiche al limite dell'impossibile. Tra Kashmir e Punjab, infatti, sono collassate le linee telefoniche e le strade sono impraticabili, trasformate in molti casi in veri e propri corsi d'acqua. Solo nella parte indiana, le piogge monsoniche hanno letteralmente sommerso più di 350 villaggi, in quella che è stata definita la peggiore alluvione degli ultimi 50 anni.