New Dehli, 3 nov. (askanews) - Shiv Kumar Yadav, un autista del servizio Uber, è stato condannato all'ergastolo per aver violentato una giovane passeggera l'anno scorso. Lo ha stabilito la corte del tribunale di New Delhi.L'uomo era stato giudicato colpevole del reato di violenza sessuale e di sequestro di persona lo scorso 20 ottobre e dovrà restare in carcere "fino alla sua morte", ha dichiarato il giudice Kaveri Baweja. La vittima, che non può essere identificata, ha raccontato di aver prenotato l'auto e di essersi addormentata durante il tragitto. Una volta sveglia si è ritrovata in un luogo isolato. Dopo la violenza è stata abbandonata per strada.Uber è stata bandita dalla capitale indiana all'indomani dell'aggressione avvenuta il 5 dicembre del 2014. La compagnia di noleggio auto con autista è stata accusata di non aver verificato adeguatamente il profilo di Yadav, che era già stato indagato per casi di violenza senza mai essere stato condannato. In India sono stati registrati oltre 36mila casi di stupri nel 2014, duemila di questi solo a New Delhi.(immagini Afp)