Roma, (askanews) - Sono stati individuati, fermati e portati in carcere i due rom in fuga da mercoledì 27 maggio, responsabili - insieme a un'altra minorenne già fermata - dell'incidente che ha provocato la morte di una donna filippina e il ferimento di altre 8 persone, nel quartiere Boccea di Roma.Il racconto del Capo della Squadra Mobile di Roma, Luigi Silipo: "Sono scoppiati a piangere, erano in condizioni fisiche precarie, erano provati e appena ci hanno visto sono scoppiati a piangere". "Erano completamente sporchi, vestiti laceri. Sembravano feriti a un ginocchio destro".Le indagini proseguono. Secondo la Polizia, infatti, potrebbe esserci un quarto uomo. "Sulla partecipazione dei soggetti si sta lavorando. Oltre alla Maddalena nel sedile posteriore e del minore alla guida e del coinvolgimento del fratello che oggi abbiamo fermato, si sta lavorando per accertare la presenza o meno di una quarta persona".