Varsavia (Askanews) - Una storia millenaria quella degli ebrei in Polonia, che è stata annientata con l'Olocausto. Oggi la testimonianza di questa comunità di ebrei ha il suo spazio a Varsavia. Dove sorgeva il ghetto è stato inaugurato il museo ebraico, proprio di fronte al monumento che ricorda l'insurrezione contro i tedeschi nel 1943.Il viaggio nella storia degli ebrei polacchi comincia nel medioevo e racconta di una comunità che cresce e si arricchisce nel corso dei secoli. Nel 1939 vivevano in Polonia tre milioni di ebrei, il 10% del totale. Tra i gioielli del museo, la ricostruzione virtuale di una strada di commercianti, e la copia di un soffitto in legno di una sinagoga del 18esimo secolo."Lo hanno realizzato studenti polacchi, israeliani e provenienti da tanti altri Paesi utilizzando le tecniche di allora", ha spiegato Grzegorz Tomczewski, portavoce del museo.Gli ebrei polacchi oggi sono qualche decina di migliaia. Il nuovo museo che sorge nel ghetto porta la testimonianza di quella che un tempo era la comunità ebraica più grande del mondo.(Immagini Afp)