Juba (TMNews) - In meno di un mese il colera ha già contagiato quasi 700 persone a Juba, la capitale del Sud Sudan, paese africano scosso da un conflitto che ha provocato oltre un milione di morti. La situazione preoccupa l'Unicef che sta cercando di arginare la diffusione della malattia che ha ucciso ad ora 23 persone.Le risorse però cominciano a scarseggiare ha spiegato Adbulkadir Musse, specialista delle situazioni d'emergenza per l'Unicef. "Tutto questo ha un impatto enorme sulla nostra situazione finanziaria che è veramente complicata visto che l'Unicef ha usato risorse proprie per 1,7 milioni di dollari per rispondere alla diffusione della malattia. Ora abbiamo bisogno con grande urgenza di 10 milioni di dollari supplementari per continuare la nostra operazione in risposta al colera e per aumentare le nostre azioni di prevenzione in tutto il Paese".Il Sud Sudan è uno Stato giovane che ha ottenuto l'indipendenza nel 2011 dopo decenni di guerra civile, una conquista a cui non è seguito un miglioramento delle condizioni della popolazione: il 90% vive sotto la soglia della povertà e l'aspettativa di vita media è di 42 anni.