Città del Messico (askanews) - I genitori dei 43 studenti scomparsi nel nulla nel settembre 2014 a Iguala, nello stato messicano di Guerrero, hanno partecipato a una marcia di protesta nella capitale, Città del Messico per chiedere giustizia dopo la relazione della la Commissione interamericana per i diritti umani in cui degli esperti hanno espresso dure critiche nei confronti del governo messicano per un presunto depistaggio delle indagini sulla vicenda.(Immagini Afp)