Roma, (TMNews) - Dall'inizio della guerra in Iraq, gli Stati Uniti hanno inviato decine di miliardi di dollari destinati a progetti di assistenza, gran parte dei quali sono stati sperperati o sono semplicemente scomparsi: come spiega l'emittente Cnbc, i revisori contabili del governo Usa hanno rilevato che non è possibile rendere conto di almeno il 10% dei 61 miliardi di dollari spesi per progetti di ricostruzione dal 2003 al 2012 e che il 15%, circa otto miliardi, sono stati sprecati.I responsabili della gestione del denaro pubblico hanno scoperto che parecchi dei soldi spesi in Iraq sono stati inutili: molti dei progetti di sviluppo non sono stati portati a termine e come dimostra la recente avanzata dei miliziani jihadisti dell'Isis, i soldi spesi per l'addestramento delle truppe del governo di Baghdad non hanno portato i risultati desiderati. Il denaro americano cominciò a scomparire dall'inizio della guerra: nel 2004 furomo inviati 19 miliardi di dollari per l'aiuto alla ricostruzione e dal 2005 al 2009 altri 26 miliardi di dollari furono erogati per lo stesso motivo.