Roma, 13 mag. (askanews) - Tofu per produrre energia pulita. L'idea arriva dall'Indonesia, dal piccolo villaggio di Kalisari sull'isola di Giava, dove si è deciso di riciclare in modo intelligente gli scarti di uno degli alimenti più diffusi in estremo oriente, il caglio di semi di soia.Non solo in cucina quindi, il tofu ha il vantaggio di essere economico e può essere usato in casa come biogas rinnovabile. Il villaggio ha deciso di investire su questo metodo innovativo e green, l'energia prodotta si usa in casa, per cucinare, e aiuta soprattutto a ridurre l'inquinamento.Si calcola che in Indonesia ci siano oltre 80mila fattorie dove si produce il tofu, ma gli scarti della lavorazione sono davvero inquinanti e dannosi per l'ambiente, ricchi però di sostanze biodegradabili. E' per questo che, anziché scaricarli si è pensato di filtrarli, trattandoli in un serbatoio e riutilizzandoli direttamente in casa come energia.00.52 "Prima di questo sistema - dice Waroh, produttore di tofu - era difficile anche avere il gas qui, un mese lo avevi, un mese no, ma grazie al biogas le cose sono più semplici. E il vantaggio è grande perché produciamo gas dai rifiuti".Per ora al progetto hanno aderito circa 150 produttori di tofu. "Speriamo che entro il 2017 aderiscano tutti - si augura Aziz Masruri, governatore del villaggio - già dal prossimo anno puntiamo a diventare un villaggio efficiente a livello energetico e soprattutto un villaggio libero dall'inquinamento".