Darbhanga (askanews) - Con oltre 40 milioni di bambini affetti da malnutrizione, l'India è probabilmente il primo Paese al mondo in cui questo problema rappresenta un pericolo per la crescita e la sopravvivenza dei minori.Lo stomaco gonfio e gli occhi infossati di questo bambino, denunciano tutto il suo disagio. Ha 4 anni, ma pesa solo 8 chili, meno della metà di un suo coetaneo in perfetta salute.La sua vita è letteralmente appesa all'ago della bilancia, mentre le autorità locali, insieme alla comunità internazionale, cercano di fare il possibile per combattere questa grave piaga, come nell'ospedale di Darbhanga, nello stato di Bihar, dove c'è un centro sanitario specializzato nella lotta alla malnutrizione infantile; qui ogni giorno medici e infermieri lottano per salvare la vita di centinaia di bambini ammalati."Manca una attenta educazione alle pratiche nutrizionali - spiega il dottor Om Prakash, medico del centro - quindi il problema non è solo clinico. È sociale, educativo e politico".Secondo gli esperti i danni fisici causati dalla malnutrizione infantile si fanno sentire per tutta la vita. Lo stato di Bihar, inoltre, con 104 milioni di abitanti, ha il più alto tasso di crescita demografica del Paese; una donna ha in media 4 figli, che spesso non hanno di che mangiare. Un problema serio per lo stato di salute delle future generazioni. Per questo l'obiettivo è di creare centri specializzati come questo in ogni ospedale del Paese."Se guardiamo attentamente a ciò che la malnutrizione infantile determina ci rendiamo conto che un'intera generazione di bambini sta crescendo con gravi carenze cognitive, emozionali e fisiche - dichiara Sashwat Banerjee, Ad del Sesame workshop, una Ong che si occupa di educazione infantile - vanno verso l'età adulta portandosi dietro questo pesante fardello generazionale".In generale, secondo le statistiche mondiali, la malnutrizione infantile è in calo nel resto del pianeta ma l'aumento incontrollato della popolazione, unitamente alla scarse condizioni igieniche e alla presenza di batteri, virus e parassiti intestinali, fa sì che in India il dato sia in controtendenza e implica la necessità di trovare soluzioni rapide e durature.(Immagini Afp)