La polizia conferma: le impronte digitali sono sue