Parigi (askanews) - Giornata di scontri e proteste in Francia dove migliaia di persone sono scese in piazza in oltre 200 città per protestare contro la riforma del lavoro voluta dal presidente François Hollande e del premier Manuel Valls. Ci sono stati momenti di tensione, con lanci di lacrimogeni da parte della polizia, in diverse città, a partire Rennes, Nantes e Parigi. Si contano una trentina di fermi e qualche ferito.In contemporanea alle manifestazioni è stato organizzato anche uno sciopero generale, che ha paralizzato i trasporti e ha fatto chiudere ai turisti anche la Tour Eiffel.Una protesta sociale forte e potente, che ha già costretto il governo socialista di Hollande ad annacquare alcune parti della riforma, contestata in particolare per le nuove norme sui licenziamenti.