Vienna (askanews) - In Austria un ragazzo di 14 anni è stato condannato a due anni di carcere con l'accusa di aver progettato un attentato alla stazione dei treni di Vienna. Secondo l'accusa l'adolescente avrebbe voluto far esplodere una bomba e subito dopo raggiungere la Siria per unirsi alle milizie dello Stato islamico.Per il suo avvocato Rudolf Mayer il ragazzo stava solo "giocando con l'idea di fare una bomba". "È cresciuto senza un padre e ha frequentato una scuola speciale e poi è caduto nella propaganda religiosa, come chiunque della sua età è in cerca di riconoscimento".Secondo la polizia invece il 14enne al momento dell'arresto si era già messo all'opera per recuperare gli ingredienti necessari a confezionare l'esplosivo.(Immagini Afp)