Roma, (askanews) - La crisi migratoria che l'Europa si trova a dover affrontare rappresenta "la più grande sfida per l'Europa negli anni a venire" alla quale "occorre trovare una risposta". A sostenerlo con forza è stato il premier spagnolo Mariano Rajoy, in visita a Berlino, nella conferenza stampa congiunta con la Cancelliera tedesca Angela Merkel."Abbiamo conosciuto, nelle frontiere spagnole, che sono anche le frontiere dell'Unione europea, tragedie simili a quelle che si svolgono oggi in altri luoghi, ad altre frontiere dell'Unione Europea", ha detto il premier spagnolo.Sia Rajoy che Merkel hanno insistito sulla necessità di una politica comune europea sull'immigrazione e il diritto di asilo, con l'applicazione di un meccanismo di equa ripartizione dei richiedenti asilo."E' stato detto che coloro che arrivano in Germania avranno buone possibilità di ottenere l'asilo o uno status di rifugiato politico, e tenendo conto della situazione attuale in Siria, non è una sorpresa e bisognerebbe che tutti i paesi europei facessero così", ha aggiunto Merkel."Allo stesso tempo dobbiamo lavorare per l'attuazione di una politica d'asilo comune, come abbiamo osservato con la Spagna, e non accusarci gli uni con gli altri. Dobbiamo cambiare le cose", ha aggiunto la cancelliera tedesca. La Spagna è stata fino ad ora fra quei Paesi contrari a un sistema di quote e ha accolto solo 2.700 richiedenti asilo provenienti da altri Paesi membri contro i 6mila richiesti dall'Ue.