Eisenstadt (askanews) - "Dobbiamo dire che si parla di 71 persone uccise in questo tragico incidente. Tra queste 59 uomini, 8 donne e 4 bambini tra cui una bimba di 1 o 2 anni e 3 ragazzini tra gli 8 e i 10 anni".A parlare è Hans Peter Doskozil, portavoce della Polizia austriaca che nel corso di una conferenza stampa ha commentato il bilancio definitivo della tragedia avvenuta il 27 agosto 2016 quando, su un'autostrada nei pressi del confine con l'Ungheria, è stato scoperto un Tir abbandonato nel cui cassone erano ammassati decine di profughi di "probabile nazionalità siriana", ormai privi di vita."Abbiamo arrestato 3 persone in Ungheria - ha continuato Doskozil - e siamo sicuri che ci porteranno ai responsabili di questa sciagura. Uno di essi un bulgaro di origini libanesi, ed è risultato essere il proprietario del camion".Le altre due persone arrestate sono un bulgaro e un ungherese che, stando alla polizia austriaca, sono quasi certamente i conducenti del Tir che aveva una targa ungherese.(Immagini Afp)