Berlino (askanews) - La crisi migratoria, secondo il cancelliere tedesco Angela Merkel è una sfida per gli ideali dell'Europa ma tutti devono darsi da fare e l'Italia deve essere aiutata."I diritti civili sono strettamente legati alla storia dell'Unione europea, ne sono un principio cardine - ha detto la Merkel, intervenendo a Berlino - se però l'Europa dovesse fallire sulla questione di rifugiati, se questo legame con i diritti civili universali dovesse rompersi, allora non sarà l'Europa che desideravamo"."Non è giusto - ha aggiunto - che solo alcuni Paesi si facciano carico dell'accoglienza, come non è giusto che l'Italia debba farsi carico di tutti i migranti che sono arrivati, serve più solidarietà da parte dell'Europa".Per il 14 settembre 2015 è stato programmato un vertice straordinario dei ministri degli Interni dell'Unione. Il primo vicepresidente della Commissione europea, Frans Timmermans, in visita a Calais insieme al premier francese Manuel Valls ha ribadito che l'Unione Europea non respingerà mai coloro chehanno bisogno di protezione, annunciando inoltre lo stanziamento di 5 milioni di euro alla Francia per gestire la difficile situazione dei migranti a Calais.(Immagini Afp)