Roma, (askanews) - "Salvare vite umane e tendere la mano a quanti fuggono dalla guerra o dalla miseria è un dovere morale, è un dovere di qualunque società che intenda definirsi libera, democratica e autenticamente rispettosa dei diritti umani". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo al 39esimo Consiglio dei governatori dell'Ifad, parlando "dell'emergenza profughi" di cui "l'esodo di decine di migliaia di siriani verso la Turchia e l'Europa è solo l'ultima, drammatica testimonianza"."Le vicende angosciose di questo ultimo periodo, di cui l'esodo dei siriani è solo un esempio - ha aggiunto Mattarella - confermano l'urgenza di sforzi comuni per rimuovere alla radice le cause di un fenomeno epocale che coinvolge milioni di persone. Le nostre coscienze ne sono davvero scosse e ci chiamano a un rinnovato sforzo di solidarietà".