Palermo (askanews) - "Il tema, come chiunque conosca un minimo di regole della legge del mare, se qualcuno sta affondando non lo devi bloccare, lo devi salvare. La differenza tra noi e Salvini è la differenza che passa tra la vita e la morte. Noi siamo per la vita. Se il blocco navale è su una carretta del mare che sta affondando con persone che non sanno nuotare, che cosa blocchi? Li fai morire? Dobbiamo essere chiari, prima si salvano vite, e poi a quelli che hai salvato chiedi se sono profughi e li accoglie e li ridistribuisci in europa, oppure sono migranti irregolari e allora provi a rimpatriarli come è dovere dell Europa fare".

Lo ha detto il ministro dell'interno, Angelino Alfano, a Palazzo dei Normanni di Palermo, commentando la proposta del leader della Lega Nord, Matteo Salvini, d'istituire un blocco navale nel Canale di Sicilia per limitare il flusso migratorio.