Roma, (askanews) - Il vignettista del "Fatto Quotidiano" Mario Natangelo è andato al confine tra Serbia e Ungheria per raccontare l'esodo dei migranti diretti in Europa. Il risultato sono quattro pagine di disegni intitolate "Migranti express" che hanno messo alla prova la sua irriverente matita, tra qualche remora e una velata ironia."Quando ti rendi conto che fuori dalla tua finestra sta passando la storia, come è stato adesso in Ungheria, dici 'io devo andarla a vedere e se riesco anche a raccontarlo' - ha spiegato in un'intervista nello studio di askanews - Io ero là sul campo e magari parlavi con la gente e vedevi delle cose che normalmente restano fuori dalle videocamere degli altri. Con il giornale abbiamo preparato quattro pagine in cui ho raccontato tutto il viaggio da dal confine con la Serbia fino a Vienna. E' stato difficile perché è un argomento sensibile, pensi che Charlie Hebdo farebbe a pezzi tutto, tu invece hai delle remore che non che non ti vengono mai dal giornale, mi hanno sempre lasciato molto a briglia sciolta, forse perché sannno che io sono uno che pesa tanto le cose quando le disegna, però nel caso di raccontare queste persone e sapendo qual è la storia che li porta a questa traversata enorme, mi sono chiesto appunto quale fosse il confine tra il prendere in giro loro o semplicemente raccontare qualcosa con ironia".