Caracas (TMNews) - Il Venezuela festeggia in pompa magna il 59esimo compleanno dell'ex presidente Hugo Chavez, morto a Caracas il 5 marzo 2013 per complicazioni seguite a un tumore alla zona pelvica che lo aveva colpito nel 2011. Buona parte del Paese ha voluto in qualche modo far sentire la propria presenza alla grande cerimonia pubblica, con balli e festeggiamenti, voluta dall'attuale presidente Nicholas Maduro per celebrare la ricorrenza. In molti hanno reso omaggio al mausoleo in cui è sepolto Chavez, alla Cuartel de la Montana, una vecchia fortezza situata in un quartiere operaio di Caracas la cui popolazione è storicamente schierata dalla parte del governo."E' il giorno del compleanno del nostro comandante - ha detto Maduro, parlando a una folla di sostenitori - e cade 100 giorni esatti dall'inizio del mio governo, il primo governo chavista della storia".Durante il suo intervento, Maduro ha posto l'accento sulle conquiste ottenute dal governo Chavez negli ultimi 13 anni. Dopo la morte del presidente, tuttavia, il malumore tra la popolazione è in aumento; almeno metà Paese, infatti, accusa la politica finanziaria di Chavez prima e di Maduro poi di aver portato il Venezuela sull'orlo del fallimento."Risolleveremo la nostra economia - ha sentenziato però Maduro - e lo faremo con il duro lavoro del la classe oepraia, assieme agli imprenditori onesti. Poco a poco vinceremo questa lotta contro il sabotaggio in atto".Maduro ha avuto parole dure contro l'opposizione, colpevole - a suo dire - di non agire per l'interesse e il bene del Paese ma solo per compiacere gli Stati Uniti e i loro interessi imperialistici.(Immagini Afp)