Johannesburg (TMNews) - 20 anni di luci e ombre. Nell'anniversario delle prime elezioni libere in Sud Africa, che segnarono la fine dell'apartheid e vennero vinte da Nelson Mandela, il primo presidente nero della storia del paese, parla l'ex capo di stato Frederik De Klerk."E' stato il momento del grande orgoglio per i sudafricani, a prescindere dalla razza, dal genere e dal ceto sociale. Tutto quello che è successo ha spazzato via secoli di amarezza, conflitti, repressione e divisioni e ha portato a uno storico accordo. Da allora moltissimi aspetti della nostra società sono profondamente cambiati" spiega l'ex presidente.Dal 1948 in Sud Africa vigeva l'Apartheid, cioè il sistema legalizzato di discriminazione razziale. Le elezioni del 1994 furono vinte dall'African National Congress (ANC) di Nelson Mandela, liberato quattro anni prima dopo 27 anni di prigione."Siamo riusciti a sviluppare il nostro enorme potenziale, però questo è andato di pari passo con la corruzione sempre più dilagante anche ai più alti livelli dello Stato" spiega de Klerk che rimprovera all'African National Congress una cattiva gestione del potere che di fatto a permesso il ritorno della discricriminazione razziale.(immagini AFP)