Trollhattan (askanews) - Ci potrebbero essere motivazioni razziste dietro la strage accdaduita in Svezia, secondo quanto accertato nelle prime indagini dalla polizia. Il ragazzo di 21 anni che, col volto mascherato e armato di una spada, è entrato in una scuola di Trollhattan, nel sud-ovest del Paese, e ha ucciso due persone, era un simpatizzante di estrema destra."Il suo abbigliamento, il suo comportamento sulla scena del delitto, danno l'impressione che abbia agito per ragioni razziste", sostengono gli investigatori, spiegando che il ragazzo ha scelto le vittime in base all'origine etnica.L'aggressore è stato raggiunto da colpi di arma da fuoco sparati dalla polizia intervenuta sul posto, ed è morto in ospedale qualche ora dopo.