Roma, (askanews) - In Austria la xenofobia e altre chiusure mentali si combattono a colpi di tatuaggi e per di più gratuiti. Il tattoo artist Alex Smoltschnik ha deciso di regalare la sua arte a chi si fa incidere sulla pelle dei messaggi anti-razzisti. Una provocazione? "Volevo semplicemente che la gente si rendesse conto quali contraddizioni esistono nella nostra società. E allora ho pensato che un tatuaggio poteva essere un bel simbolo per mostrare in pubblico cosa si pensa e cosa si prova", ha spiegato Alex, che ha un passato di immigrazione. Il papà è originario della Slovenia e pertanto conosce bene i sentimenti di discriminazione o esclusione. Questa iniziativa però lo ha stupito."Ora ho veramente molto da fare, ma sono molto felice di questo. Devo lavorare molto senza essere pagato, ma mi rende soddisfatto, perché vedo che in Austria ci sono molte persone che si oppongono alla discriminazione", ha aggiunto.E cosa pensa uno dei suoi clienti, Nick, del risultato? "Credo che abbia un significato molto forte anche se è molto semplice ed elementare. E' un disegno infantile e così lo capiscono anche i bambini".(Immagini Afp)