Savar (askanews) - Il proprietario del Rana Plaza, l'edificio in Bangladesh che nel 2013 crollò uccidendo 1.100 persone, verrà accusato di omicidio dalle autorità giudiziarie.Quello del Rana Plaza è stato uno dei peggiori disastri della storia recente, a morire furono migliaia di operai che lavoravano in aziende tessili in cui venivano prodotti vestiti anche per grandi marchi internazionali.Il proprietario dell'edificio venne arrestato poco dopo il crollo mentre cercava di fuggire in India, e ora rischia la pena di morte insieme ad altre 40 persone. Fra loro ci sono i proprietari delle fabbriche di abbigliamento locale e i funzionari del governo che approvarono l'innalzamento dell'edificio di altri sei piani, senza che ci fossero gli standard di sicurezza adeguati.(Immagini Afp)